Storia del Karate | Il maestro Funakoshi | Lo stile Shotokan | Khion | Kata | Kumite
 
Home page
Chi siamo
Corsi
Karate-do
Attività
Contatti
Links
Social media


Karate-Dō

Il termine Karate-dō si compone delle parole Karate e Dō.

Dō si compone dell'ideogramma del piede che simbolizza l'andare, il camminare, il mettersi in marcia, è l'immagine semplificata di una testa con capelli, un capo, un condottiero, il senso è quello di orientarsi verso qualcosa o qualcuno. L'ideogramma completo si compone di un cammino, una via tracciata dal capo del clan e quindi per estensione il principio a cui occorre attenersi, la regola, la dottrina e per astrazione la VIA.

Il Karate-dō secondo il sensei Gichin Funakoshi è la corretta interpretazione del Karate ed il suo giusto impiego; è il cammino per raggiungere il Satori o illuminazione (comprensione del significato oggettivo della vita) attraverso la pratica della difesa a mano nuda.

La via del Karate è un percorso per il perfezionamento e l'automiglioramento della tecnica, poiché in tal modo si migliora anche se stessi. Il Karate-dō mira internamente ad allenare la mente e a sviluppare una coscienza chiara cosicché si possa affrontare sinceramente ed autenticamente il mondo.

La mente e la tecnica devono divenire un'unica cosa nel Karate-dō, il Dō, la via, è molto più della tecnica, più dell'arte (Jutsu): una via, un lento e misterioso cammino dell'essere verso la propria perfezione, il proprio compimento. Si deve superare lo sport, il fatto fisico e l'arte altrimenti si resta nel contingente, nell'incompiuto, nel superficiale. Il Karate praticato solo come sport ha come obiettivo la vittoria nella gara mentre il Karate-dō quello di vittoria nella vita.

 
 

 

ASSOCIAZIONE SPORTIVA REM-BU-KAN KARATE-DO c/o CENTRO COMUNALE POLISPORTIVO
Via Trieste, 86 10086 RIVAROLO CANAVESE (TO) (0124.424923 338.6238507 C.F. 95009930017

 

Designed and powered by
MultiMedia Soft